Comprendere il concetto di Pratiche Educative Aperte

Nel webinar che hai guardato hai sentito parlare di Pratiche Educative Aperte (Open Educational Practices - OEP). Per prima cosa, quindi, dobbiamo capire bene cosa significa Pratica Educativa Aperta, per poter usare nel miglior modo possibile le risorse educative aperte nella pratica professionale quotidiana.
Il fatto che produci risorse aperte, ad esempio, assegnando licenze Creative Commons ai tuoi materiali, non significa automaticamente che stai adottando pratiche educative aperte.
In un certo senso, le pratiche educative aperte sono “la fase successiva nello sviluppo delle OER, ovvero uno spostamento tra il focus sulle risorse al focus sulle pratiche educative aperte, che sono una combinazione dell’uso di risorse e architetture di apprendimento aperte, per trasformare l’apprendimento del ventunesimo secolo in ambienti di apprendimento in cui le università, gli studenti adulti e i cittadini hanno l’opportunità di dare forma ai loro percorsi di apprendimento lungo l’arco della vita, in modo autonomo e autoguidato”

Di seguito sono proposte due definizioni di OEP:

  • L’iniziativa OPAL (Open Educational Quality) definisce le OEP come “l’uso di risorse educative aperte per alzare il livello di qualità dell’istruzione e delle formazione ed innovare le pratiche educative a livello istituzionale, professionale ed individuale”.
  • Secondo l’International Council for Open and Distance Education (ICDE): “Le OEP sono definite come pratiche che supportano la produzione, l’uso e il riuso di risorse educative aperte di alta qualità, attraverso politiche istituzionali che promuovono modelli pedagogici innovativi e il rispetto e l’empowerment degli studenti come co-produttori di risorse nel loro percorso di apprendimento lungo l’arco della vita”

 

continua con l’attività 1...